panini-dolci-al-latte

Una ricetta facile e buona, che richiama l’antica tradizione di Sant’Antonio

Il pane al latte è un panino morbido usato nella prima colazione: soffice, energetico e salutare, amato particolarmente da bambini e ragazzi, un’ottima alternativa alle merende confezionate, da accompagnare con un bel bicchiere di latte e della frutta fresca.

Viene utilizzato in Sicilia come panino da farcire con il gelato, per questo viene chiamato anche mezza brioche.
La nostra versione non comprende l’utilizzo di uova ma solo di latte, burro e zucchero. L’uovo viene utilizzato solo per la spennellatura prima dell’infornata, ma non nell’impasto.

I panini al latte o panini dolci, nella tradizione, vengono anche associati al culto di S.Antonio Abate, che si nutrì appunto di pane durante la sua vita eremitica, in continua lotta contro il demonio.

Per la festa di S. Antonio Abate (17 gennaio) protettore degli animali domestici e degli agricoltori, diverse e varie sono le usanze e le tradizioni diffuse: piccoli panini moderatamente dolci, aromatizzati con scorza di limone, dolci pani aromatizzati, minuscoli “gnocchi di pane”, vengono benedetti durante le celebrazioni e distribuiti ai fedeli e anche, eccezionalmente, agli animali, di cui l’Abate è anche patrono.
(Fonte https://www.panenostro.com/)

INGREDIENTI
1 kg. Farina
50 gr. Lievito di birra
30 gr. Burro
20 gr. Zucchero
15 gr. Sale
300 gr. Latte intero
10 gr. Farina maltata (o malto)
250 gr. Acqua

LAVORAZIONE
Impastare la farina, l’acqua, il latte, il lievito, il malto, lo zucchero, aggiungere il burro a metà
impasto per ultimo il sale per 15 minuti circa.
Lasciare riposare la massa sul tavolo di lavoro e coprire con il telo fino al raddoppio.
Formare delle palline di circa 30gr. metterle su teglia fare lievitare per circa 40’; terminata la
lievitazione spennellarli con l’uovo.

COTTURA
La cottura deve avvenire a 220° – 240° per circa 10/15 minuti.
Appena sfornati spennellarli con miele liquido.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *